Vasche raccolta prima pioggia

L’espressione “acque di prima pioggia” definisce la quantità d’acqua piovana precipitata nei primi 15 minuti dell’evento meteorico. Tale quantità corrisponde a in valore di riferimento di 5 mm uniformemente presente sull’intera superficie.

Gli impianti di trattamento delle acque di prima pioggia sono a norma di legge obbligatori per pertinenze come distributori di benzina, autofficine, autolavaggi, deposito di veicoli, autodemolizioni, depositi di rifiuti, concerie, etc.

I nostri impianti sono costituiti da vasche prefabbricate in calcestruzzo armato vibrato, ispezionabili attraverso botole situate sulle coperture stesse.

Gli impianti sono composti da:

  • vasca di trattamento con otturatore/sezionatore delle acque di prima pioggia e di seconda pioggia;
  • vasca o vasche di prima pioggia per raccolta per raccolta stoccaggio, complete di elettropompe;
  • vasca con disoleatore a coalescenza;
  • quadro elettrico automatico con sensori pioggia, allarmi per i controlli.

I nostri impianti sono realizzati in soluzione monoblocco perciò, a differenza di quelli a elementi componibili, forniscono la massima garanzia di tenuta idraulica e strutturale, con resistenza nel tempo all’azione corrosiva dei liquami oleosi.

Il nostro servizio tecnico include un supporto costante al cliente, che comincia nel momento dell’analisi e termina con il corretto dimensionamento dell’impianto (spesso unico da caso a caso).

A seconda delle esigenze del cliente possono essere studiate delle installazioni planimetriche personalizzate sulla base degli spazi disponibili del sito, della accessibilità, della tipologia di terreno, etc.

Gli impianti possono inoltre essere calcolati sia in versione standard con solai pedonabili sia in versione carrabile anche per il traffico di automezzi.

Ogni impianto è dimensionato secondo le indicazioni della regione Lombardia del 24 marzo 2006 n°4, relativa alla “Disciplina dello smaltimento delle acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne” e secondo le indicazioni della “Disciplina degli scarichi acque reflue (art. 2 e ss. del Titolo I) e direttiva in materia di “Disciplina regionale degli scarichi” (delib. 69/25 del 2008) della Regione Sardegna.
Viene fornito con marchiatura CE secondo le norme armonizzate europee, manuale, e Dichiarazione di Prestazioni – DoP.

Chiamaci al numero 0783 72190 oppure

Pin It on Pinterest